sidebar        
   

Bombole in lega leggera "Aralù"







Bombole in Lega leggera: non basta il normale collaudo

 
   
   

Anni fa furono introdotte per la prima volta in Italia le bombole d'alluminio, il corpo bombola era prodotto dalla Luxfer, azienda leader in questo campo e le bombole distribuite dalla technisub per lo più confezionate come bibombola. A distanza di anni molti di questi bibombola hanno subito una "macellazione" dalla quale si ricavano due mono da un bibo. Le bombole d'alluminio, che avevano avuto scarsa diffusione per il maggior peso ed ingombro, sono oggi ricercate per uso come decompressiva o bailout da parte di chi fa immersione tecnica, ma si è dimenticato, nel frattempo che la maggior parte di queste sono state costruite con una lega poco idonea e che richiede un particolare collaudo. 

Anche se in Italia non ci sono stati finora incidenti, bisogna tener conto che lo sviluppo di queste cricche nel tempo é lento (circa 6-7 anni) e che la vetustà del parco bombole éun fattore che fa aumentare il rischio di giorno in giorno.
Bisogna anche considerare che la maggiorparte delle bombole sono state ferme per anni, e che ora, riscoperte per uso relativo alla subacquea tecnica, sono nuovamente sottoposte a stress e quindi a rischio.
In altre parole, in passato queste bombole non anno avuto successo e sono state usate poco.
La maggiorparte sono state dimenticate in qualche cantina quindi, considerando chei  tempi di sviluppo delle"cricche sono lunghi," si può affermare che la statistica degli anni passati non ha alcun valore. 

 01-Aralù
   
 La cosa più pericolosa è che anche l'ISPESL ignora che il normale collaudo le rende assai più pericolose.
Per esperienza posso dire che su 5 bombole che hanno appena superato il normale collaudo, 4 non hanno superato lo specifico controllo metallurgico denominato "Visual.".
 02-Aralù
   

Il problema di questa lega, la (AA6351) si manifesta con la formazione di cricche da sforzo prolungato sotto il collo della bombola, Queste cricche, che si propagano radialmente rispetto alla sede della valvola, hanno uno sviluppo lento nel corso degli anni e possono essere accelerate da un aumento eccessivo della pressione, come ad esempio il collaudo: in questo caso la "cricca" diventa critica, vale a dire si sviluppa rapidamente nel tempo.
Le bombole sono state a suo tempo richiamate dalla Luxfer.

La technisub ha dato la notizia che si può leggere nel sito della ditta tra le "FAQ", cosa che, però, rende poco evidente la notizia e la gravità del problema.

L'esame dei reperti evidenzia come il cedimento sia partito da "cricca" generatasi sotto il collo della bombola.
La superficie dall'aspetto "granulare" che si nota in prossimità della filettatura è stata generata dal cedimento del materiale

 03-Aralù
   







ASPETTO DELLA CRICCA ALL'INTTERNO DEL COLLO DELLA BOMBOLA

La"cricca"é indicata dalla freccia con sigla "C1"

 04-Aralù
   
 Queste bombole oltre al test idrostatico normale hanno bisogno di un'ispezione detta "Visual".
Tale ispezione, olre alla rilevazione visiva delle "cricche"si avvaledi un esame metallurgico denominato"Eddy current".
Questo doppio collaudo, cioè sia quello idrostatico, sia il "Visual"devono essere ripetuti ogni due anni.
Si consiglia di effettuare perima il collaudo idrostatico, in quanto questo a rendere critiche le "cricche".
Fare l'inverso non avrebbe sensoin quanto andremmo ad alterare la situazione verificata con il visual.
 05-Aralù
   
   
   
Per domande e collaudi contattare la Luxfer
La Luxfer è rappresentata in Italia da:
MATAR Srl
V.le E. Mattei, 5 a/b
25080 MAZZANO (Brescia)

Tel.: +39 030.2593707
(Fax.: +39 030.2592646 -
Partita I.V.A. e CF 01721290177
E-mail: mailto:info@matar.it

 
   
sidebar